COMUNE di SOMMACAMPAGNA
Piazza C. Alberto, 1 37066 - Sommacampagna (VR)
Tel. 045.8971311 Fax 045.8971300

 
sei in:  Comune  -  Filo Diretto 2017

Filo diretto con l'amministrazione

penna
Questo servizio permette di scrivere dei messaggi al sindaco, agli assessori o agli uffici comunali che risponderanno ai cittadini direttamente in questo spazio.

Per questo motivo sarà data risposta solo alle domande di interesse generale permettendo così, con il tempo, di creare un archivio da consultare liberamente e dove, magari, si potrà trovare già risposta ai propri interrogativi.

Non verrà dato seguito alle segnalazioni anonime.

 
Partecipa anche tu inviando un .

BRAGANTINI Giuliano
13 febbraio 2017
Mi rivolgo all'intero consiglio comunale per manifestare il mio disappunto per l'aumento delle tariffe relative al rinnovo delle concessioni cimiteriali con scadenza trentennale, mi riferisco in particolare alle sepolture interrate da quattro posti situate nel lato nord est del cimitero di Caselle il cui costo è passato da 2050,00 euro fino al 2015 a 6200,00 euro dal 2016.Lo scrivente è stato costretto a rinunciare al rinnovo e provvedere alla riduzione tramite cremazione delle salme dei propri genitori. E' demoralizzante constatare che un'amministrazione comunale faccia ricorso ai "defunti" per incrementare i propri introiti. 

Egr Sign Bragantini
l'aumento delle tariffe di rinnovo delle concessioni cimiteriali per trent'anni previsto a partire dal marzo 2015 nasce dalla considerazione che la concessione viene fatta per un periodo di trent'anni sia al  momento della concessione iniziale che per il rinnovo e questa logica era da tempo alla base delle tariffe cimiteriali nei comuni a noi vicini.

Da noi invece i primi trent'anni si pagavano a cifra piena e i seguenti a cifra scontata.

Nel corso di questi due anni abbiamo ricevuto la segnalazione da parte di qualche nucleo familiare che si è trovato in difficoltà a rinnovare per trent'anni per cui nella manovra tariffaria del 2017 abbiamo previsto per la tipologia di loculi terragni fino a sei posti anche la possibilità di rinnovo per 15 anni con conseguente dimezzamento della tariffa di concessione.
Il Sindaco

 
 

Franco Barbara
10 febbraio 2017
Abito a Caselle, in via Roma, vicino alla chiesa. Da poco hanno finito i lavori di ristrutturazione alla facciata della chiesa stessa, e va bene ; ma noto con disappunto che sono stati fatti lavori anche per installare un dissuasore( per non far accedere le auto) secondo me in zona demaniale. Mi domando : e' possibile che la chiesa abbia messo un sacco di paletti limitanti la sua proprieta', anche dove proprieta' non ha ? ( includendo quindi marciapiede, pista ciclabile, e almeno otto parcheggi per auto). E' stato forse concesso un particolare permesso , tale da inglobare questa parte di zona pubblica ?... credo sia cosi', perche sull'asfalto si intravedono ancora i segni che creavano vecchi parcheggi pubblici , ora tutto recintato da paletti fino al limitare della strada, mentre sembra che la reale proprieta' della chiesa , sia delimititata da vasi con piante. Trovo strano che le attivita' commerciali nei paraggi, non abbiano chiesto chiarimenti, come sto facendo io , essendo state penalizzate con tutti questi pali di recinzione, peraltro vicinissimi. Da parte mia , mi farebbe comodo avere un parcheggio, quando libero, a disposizione vicino a casa....anche se davanti alla chiesa. Non so se questa mia, sia una domanda lecita, qualcuno me lo faccia sapere. Grazie. 
 

Gentile sig.ra Barbara.

A onor del vero, il piazzale della chiesa è di proprietà della Parrocchia e quindi non è demaniale e le fioriere poste all'interno di esso, hanno ora scopo meramente decorativo e non certamente quello di segnare un inesistente confine.

I "segni sull'asfalto" citati, dal momento che la pavimentazione del sagrato è fatta con masselli autobloccanti, può darsi che siano quelli sul fianco della chiesa, dove in passato le auto parcheggiavano.

A prescindere da ciò, non è da escludersi che si possa chiudere al traffico un'area demaniale.... si pensi semplicemente alle zone pedonali che si trovano un pò ovunque. Demanio non equivale a luogo dove circolano automezzi ma, più genericamente: "complesso dei beni appartenenti allo stato e ad altri enti pubblici territoriali, in quanto destinati all’uso diretto o indiretto dei cittadini" (enc. Treccani) e non vi è alcun dubbio che i cittadini possano usare, sebbene appiedati (o in bicicletta), il sagrato.

Il nostro caso può appunto configurarsi come una iniziativa di pedonalizzazione del sagrato della chiesa, peraltro non recente e a suo tempo concordata tra la Parrocchia ed il Comune (circa una decina d'anni orsono) e, come ha avuto modo di notare Lei stessa, recentemente confermata dal Parroco con la posa del dissuasore pneumatico telecomandato.

All'epoca fu appunto la Parrocchia stessa che chiese al Comune di impedire che le auto parcheggiassero sul sagrato, per la comprensibile ragione di voler evitare l'altrettanto comprensibile pericolo generato da automezzi che manovrano in mezzo ai pedoni, che normalmente affollano il sagrato al termine delle funzioni religiose.... per non parlare del fastidio per via dei gas di scarico.

Il Comune si trovò concorde e la "pedonalizzazione" si attuò con la posa dei paletti dissuasori.

All'inizio c'era anche una catenella che si ancorava alle due fioriere ai lati dell'accesso principale e che impediva l'accesso ai mezzi non autorizzati. Poi la scarsa praticità connessa al doverla togliere e rimettere ogni volta, di fatto, ne ha invalso la funzione e favorito conseguenti abusi d'utilizzo del sagrato. Da ciò, e penso d'interpretarne correttamente la ratio, la recente iniziativa della Parrocchia di posizionare il dissuasore telecomandato.

Come ha potuto comprendere, la situazione è oramai consolidata.

Tra l'altro, sempre all'epoca, il Comune aveva da poco realizzato altri parcheggi aggiuntivi in zona, per mitigare il disagio derivante dalla sottrazione del sagrato al libero parcheggio: quello davanti alla scuola elementare oltre a quello esattamente di fronte e davanti alla casa albergo oltre ancora a quello (molto ampio) a fianco della strada del cimitero.

Spero con ciò di aver esaustivamente risposto alla Sua richiesta di chiarimenti.

Paolo Franchini

 

 
 
 

Corradi Matteo
8 febbraio 2017
Buongiorno, desiro mettere a conoscenza del problema diffusione gatti randagi in zona via Aldo Moro nei civici 1,2,3 e seguenti. da 6/8 mesi a questa parte molte persone lamentano il diffondersi di numerosi gatti maschi almeno 4 non sterilizzati che oltre al disturbo notturno provocano danni alle cose e abitazioni: odori spiacevoli su cose e panni da asciugare, finestre e porte danneggiate da liquidi.... e bambini che vanno a contatto con gli stessi. Capisco che le preoccupazioni siano altre.... ma il disagio ormai per tutti è giornaliero.... mi rendo disponibile per ogni info, ve ne saremmo grati in tanti. Grazie I condomini di Via Aldo Moro 
Faremo una verifica della situazione segnalata.
Si evidenzia comunque che la vigente normativa tutela la libertà di movimento e di diffusione dei gatti. Solamente nel caso di colonie particolarmente numerose (che superano qualche decina), veine svolta un'attività di monitoraggio e sterilizzazione  in collaborazione con la ULSS e le associazioni animaliste.
Il Comandante della Polizia Municipale
 
 
 
 
 

Lama Renato
7 febbraio 2017
Buongiorno, torno a segnalare la pericolosità di via sego a Custoza: un rettilineo di oltre 400m con ampie curve di accesso, senza marciapiede da via chiesa fino alle prime case, con l?unico passaggio pedonale mal segnalato e non illuminato. La velocità è fissata a 30km/ora da un solo cartello ma mancano strumenti adatti a imporla (rallentatori, autovelox o altro) e nessuno rispetta il limite. La strada è frequentata anche al mattino presto e la sera tardi da persone, anche ragazzini, che vanno a prendere i pullman. Ritengo doveroso che il comune ponga in sicurezza questa strada e imponga il rispetto del limite di velocità. Con questa è la quarta volta che chiedo una risposta senza ottenerla. Renato Lama 
Pur confermando che il passaggio pedonale presente in via Sego della Vecia non risulta illuminato nelle ore notturne, non abbiamo riscontrato particolari condizioni di "pericolosità" del tratto di strada rispetto alla gran parte delle strade urbane presenti nel territorio del Comune di Sommacampagna.
La segnaletica di limitazione di velocità dovrebbe essere adeguata (per questo inviamo una segnalazione al servizio competente) ma anche riguardo il superamento dei limiti, durante i controlli programmati qualche mese fa, non si sono riscontrate situazioni di particolare allarme od al di fuori dall'ordinario.
E' risaputo che gli automobilisti mediamente non rispettano rigorosamente i limiti imposti e proprio per questo la Polizia Locale svolge quotidianamente controlli su questo tipo di violazioni su tutto il territorio del Comune anche mediante appositi strumenti elettronici quali autovelox e telelaser.
Il Comandante della Polizia Municipale
 
 

Zona Concetta
31 gennaio 2017
Buongiorno, Per dovere civico mi accingo ad effettuare la seguente segnalazione in seguito ad un fatto spiacevole accaduto stamani in Via Verona in Caselle di Sommacampagna. Passeggiando mi sono imbattuta in due individui che portavano a spasso due pastori tedeschi. Occupavano fastidiosamente l'intero marciapiede ed in tal modo per superare mi sono allargata sorpassando di lato. Il ragazzo di corporatura minuta che teneva il cane non è stato in grado di controllarlo e così il cane mi è saltato addosso ma fortunatamente mi sono provocata solo un lieve graffio. Conseguenze più serie ci sarebbero state se avessi avuto con me un bimbo. La zona è frequentatissima da famiglie ed urgono maggiori controlli sulle modalità in cui si custodiscono gli animali. Spero che questa segnalazione eviti lo spavento che ho preso io a qualcun' altro. Con osservanza. 
Ringrazio per la segnalazione, ne terremo conto.
Riguardo i fatti a Lei accaduti La invito, nel caso avesse subìto lesioni e se interessata, a sporgere regolare denuncia presso un ufficio di Polizia (Carabinieri, Polizia, Polizia Municipale) affinchè i responsabili del fatto vengano perseguiti a norma di legge.
Il Comandante della Polizia Municipale. 
 

Rodriguez Diego Nicolas
26 gennaio 2017
Bungiorno, in seguito al rifacimento delle strisce pedonali in via Osteria Grande, notiamo che sono state spostte, oppure non sono più state fatte le strisce pedonali all'altezza del parcheggio degli asili (all'altezza del civico 12). Ora, sebbene gli utenti interessati all'attraversamento in quel punto siano relativamente pochi, non riesco a capire il motivo della soppressione delle stesse e vorrei interessato a capirne le motivazioni. Inoltre credo che la mancanza delle strisce pedonali in quel punto contribuisca al già GRAVISSIMO problema dell'alta velocità che le macchine usano avere in antrambe le direzioni. Non è raro il verificarsi di SORPASSI su via Osteria Grande, soprattutto nelle ore serali. Sarebbe oportuno inserire dossi rallentatori, o altri congegni idonei a indurre gli automobilisti a ridurre la velocità. Grazie, saluti. 
Prendiamo atto della segnalazione riguardo la problematica relativa alla guida pericolosa da parte di alcuni automobilisti. Riguardo il passaggio pedonale, probabilmente non è stato ripristinato dopo la riasfaltatura per una svista della ditta incaricata. L'attraversamento stesso sarà ripristinato nelle prossime settimane, appena il meteo permetterà la ripresa dei lavori.
Il Comandante della Polizia Municipale