100.000€ a fondo perduto e altre misure a sostegno delle Aziende chiuse durante il lockdown

Il Comune di Sommacampagna ha approvato lo stanziamento di una somma a bilancio pari a 100.000 € da destinare, a fondo perduto, alle micro-imprese con sede nel territorio comunale a cui è stata imposta la chiusura per legge durante il lockdown.
Un’allocazione importante, frutto anche del lavoro di una commissione presieduta dall’Assessore alle Attività produttive Trivellati Nicola e composta dai consiglieri di maggioranza Dal Forno Gianfranco, Rigotti Giovanna, Galeoto Luisa e Palumbo Francesco che, dal maggio scorso, si sta adoperando per concretizzare tutta una serie di misure a sostegno delle imprese del territorio.

Lo stanziamento di una cifra pari a 100.000€ è il risultato di un’analisi delle proiezioni sulle entrate a bilancio comunale, complicata quest’anno dal margine di incertezza senza precedenti introdotto dalla pandemia «Un’operazione difficile da realizzare perché richiederà la definizione di un regolamento che da una parte possa preservare la continuità del bilancio e dall’altra permettere un intervento significativo a supporto della ripresa delle attività del nostro territorio» spiega l’Assessore al Bilancio, ai Tributi e alle Attività Produttive, Nicola Trivellati «Ma sulla bontà della quale, Giunta e Consiglio di maggioranza si sono trovate d’accordo fin da subito. La bozza di regolamento che stiamo preparando sarà rivolto alle micro-imprese che hanno obbligatoriamente dovuto tenere chiusa la propria attività, ma prenderà in considerazione anche altri criteri, come per esempio la percentuale del calo di fatturato o la presenza di dipendenti

La Commissione ha passato al vaglio l’elenco delle circa 1600 aziende iscritte alla Camera di Commercio con sede nel Comune di Sommacampagna, accertando quali fossero state obbligate alla chiusura per effetto del Decreto legge del Governo, individuando circa 200 imprese. «Considerando che un altro requisito necessario per accedere al contributo a fondo perduto è l’essere in regola con i versamenti delle tasse comunali» prosegue l’Assessore Nicola Trivellati «Abbiamo considerato che una cifra pari a 100.000 euro fosse idonea a riconoscere un contributo che potrà variare da 400 a 600 euro ad Azienda. Sappiamo che non risolveremo i problemi finanziari delle imprese, ma vogliamo dare un segnale importante di vicinanza alle imprese del nostro territorio.»

Il regolamento comunale già in bozza, stabilirà con chiarezza quali sono i requisiti per accedere alla richiesta del contributo. L’importo verrà assegnato sulla base di una graduatoria risultante dal punteggio assegnato ad ogni micro-impresa sulla base della soddisfazione di tutti o parte dei requisiti richiesti, e da questo dipenderà anche l’importo erogato.
Le tempistiche sono state rallentate dall’insorgere di problemi burocratici formali, che stanno riguardando ogni comune impegnato in attività di questo tipo, e che dipenderanno dall’avviare una procedura di iscrizione del Comune di Sommacampagna al Registro degli Enti erogatori degli Aiuti di Stato.

Oltre allo stanziamento di 100.000 euro a fondo perduto sopra descritto e dopo le prime misure a sostegno dell’economia locale promosse in piena emergenza Covid-19 — sospensione dei canoni di locazione dei mesi di marzo, aprile e maggio per gli utilizzatori di beni patrimoniali del Comune, ampliamento orari per le attività di servizi alla persona dalla riapertura al 31 luglio scorso, esenzione TOSAP per i plateatici fino al 31 ottobre, differimento prima rata IMU al 30 settembre e prima rata imposta di soggiorno con versamento in un’unica soluzione — l’ultimo provvedimento attuato, in ordine temporale, è «Un regolamento che traduce il Decreto Legge 30 aprile 2019 n.34 attraverso il quale il Governo ha previsto trasferimenti diretti ai Comuni per agevolare aziende di nuova costituzione che riaprano attività chiuse da più di 6 mesi o imprese che investano in un ampliamento volumetrico dell’attività pari ad oltre il 20% dell’esistente.» prosegue l’Assessore Nicola Trivellati.

«Ringrazio l’assessore ed i consiglieri comunali che hanno lavorato a questi strumenti, che rappresentano un importante segnale di vicinanza alle nostre aziende» dichiara il Sindaco, Fabrizio Bertolaso «Spiace altresì che non ci sia stato il parere favorevole delle minoranze che hanno scelto, nel consiglio comunale di fine luglio, di non approvare né lo stanziamento dei 100.000 euro a favore delle imprese né il regolamento che favorisce la riapertura delle attività commerciali chiuse da più di sei mesi o l’ampliamento delle stesse

Con ordinanza sindacale n. 53 del 15/10/2020 l’Amministrazione di Sommacampagna ha prorogato l’efficacia dei termini dell’ordinanza di maggio in cui si prevede l’ampliamento degli orari delle attività di servizi alla persona. Nella pratica, parruchiere/i ed estetiste potranno aprire al pubblico anche la domenica e nei giorni festivi, in deroga al regolamento comunale del 29/04/2011. Questo per agevolare l’attività lavorativa alla luce delle disposizioni normative che comportano il contingentamento degli accessi per consentire il distanziamento sociale.

Infine, una ulteriore iniziativa attuata dall’Amministrazione di Sommacampagna nel tentativo di favorire la ripartenza, è stata «La riscossione posticipata alla prima metà di settembre della rata di acconto e la riduzione del 50% della parte variabile della Tari» commentano l’Assessore all’Ecologia e allo Sport, Marco Montresor e la consigliera delegata, Giovanna Rigotti «Per effetto di un provvedimento votato all’unanimità, il 30 luglio scorso, dal Consiglio comunale e quantificabile in circa 70.000 € di gettito da cui sono state sollevate le imprese.»